Informativa sui cookies

Attenzione, questo sito utilizza i cookie.

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di piu'

Accetto

Consolidamento Server, SAN e rete

Il valore Proclesis

  • Approccio sistemico
    • Esecuzione risk assessment
  • Visione e competenze a 360° sulle problematiche Data Center
    • Capacità di scelta architetturale
      • Design nuova infrastruttura
      • Confronto e valutazione costi delle diverse soluzioni sia one shot che nel tempo
    • Pianificazione e gestione della migrazione per garantire al cliente il minore impatto possibile sulle sedi
  • Disponibilità risorse in tutti i ruoli chiave:
    • Progettisti
    • Project manager
    • Sistemisti e tecnici di rete e di sicurezza
Scenario iniziale

Scenario iniziale

Le applicazioni sono distribuite su circa 200 Server, dei quali 140 fisici e 60 virtuali.

Requisiti del progetto

Ridurre i costi di manutenzione e sostituire i server con hardware obsoleto con manutenzione molto costosa.

Riduzione costi energetici.

Limitare i disservizi degli applicativi critici dell’ospedale causati dalle attività di manutenzione impiantistica.

Ottenere maggior:

  • Controllo
  • Gestibilità
  • Flessibilità

I requisiti nei fatti

  • Consolidamento server e dimensionamento nuova infrastruttura virtuale
  • Business Continuity plan:
    • alta affidabilità della nuova infrastruttura virtuale
    • Definizione di nuove procedure di Disaster recovery con integrazione delle modalità di Data Recovery in essere

Fasi del lavoro

  1. Analisi dell'infrastruttura applicativa esistente
  2. Identificazione dei gruppi di Server idonei al consolidamento
  3. Analisi dell'infrastruttura SAN
  4. Analisi dell'infrastruttura Network
  5. Consuntivazione dati di tutte le fasi di analisi
  6. Analisi costi e benefici del progetto di Consolidation

Sintesi risultati per fase

1 - Analisi dell'infrastruttura applicativa esistente
  • Mappatura delle relazioni di Business Process delle applicazioni con l'infrastruttura Server
  • Definizione dei gruppi d'infrastruttura di servizio per tutti gli applicativi
  • Disegno delle relazioni tra applicazioni e infrastruttura Server:
    • Per ogni applicativo sarà realizzato un diagramma che evidenzi graficamente le relazioni con i Server sui quali il software è distribuito
2 - Identificazione dei gruppi di Server idonei al consolidamento

Alta affidabilità dopo server consolidation

  • Report del tool, dettagliato e analitico, suddiviso in più scenari possibili, ciascuno con:
    • Differenti modelli di Server
    • Soglie di prestazioni
    • Numero di Server, utilizzo dello spazio rack, consumo di energia, raffreddamento, requisiti...
  • Mappa Server fisici a host virtuali proiettate
  • Report di consolidamento
  • Report di inventario
3 - Analisi dell'infrastruttura SAN
  • Per ogni Server di produzione sono indicati i rispettivi storage SAN coinvolti e lo spazio storage utilizzato
  • Vengono disegnati i diagrammi dell'esistente infrastruttura di backup dei Server
4 - Analisi dell'infrastruttura Network
  • Definizione dei gruppi d'infrastruttura di rete per tutti i Server e SAN di produzione
5 - Consuntivazione dati di tutte le fasi di analisi
  • Sono confrontati i risultati delle analisi precedenti così da produrre la documentazione riepilogativa.
6 - Analisi costi e benefici del progetto di Consolidation
  • Stesura del progetto di massima con valutazione dei costi e stima benefici attesi da poter presentare al management per analisi e rilascio del budget per la sua implementazione.

Conclusioni

Il lavoro svolto, di analisi e studio di fattibilità, ha consentito al Cliente di valutare le implicazioni sulla propria infrastruttura IT di un progetto di Server Consolidation che includesse tutti gli aspetti di integrazione delle catene applicative. Il design finale ha proposto una nuova infrastruttura di Server virtuali che garantisca, anche in caso di importanti manutenzioni programmate, di migrare senza interruzione i servizi applicativi nell’ambito del private Cloud.
Con il progetto si è quindi derivato anche il Disaster Recovery per gestire la continuità di servizio in caso di incidenti dovuti a guasti, malfunzionamenti o violazioni della sicurezza fisico-logica.